Un altro panettone!

Edda Orlandi   Università degli Studi di Milano

Qui in Milanesia ci si appresta a celebrare le tradizionali festività del reciproco scambio rituale di panettoni (Orlandi 2012), conosciuto nella letteratura come il Circuito Kula Natalizio.Panettone for EO post Come ogni anno, fervono i preparativi della tradizionale competizione per diventare la famiglia che riesce a rifilare più lievitati, arrivando al contempo a rimanere dopo Capodanno con un solo panettone (non uno di più, ma neanche senza panettoni, cfr. Orlandi 2014). Pur costatando un sostanziale rispetto delle tradizioni secolari già descritte da numerosi antropologi, durante il mio attuale soggiorno in Milanesia ho potuto notare alcune innovazioni, che rendono conto dei processi di globalizzazione che hanno recentemente investito anche queste terre remote.

Mi riferisco in particolare ai mutamenti nella preparazione della ricetta del panettone. pandoro-panettoneSono note nella letteratura varianti documentate già da alcuni decenni, ma le recenti trasformazioni rimandano a processi di contaminazione culturale finora inediti. Si segnala in particolare all’attenzione delle lettrici e dei lettori la recente perplimente invenzione di un dolce che mischia la ricetta del panettone con quella del pandoro, preparazione dolciaria tipica della vicina isola di Verona, già in precedenza introdotta in queste zone.

panettone-struffoliInoltre ho potuto constatare che in alcune famiglie provenienti dall’arcipelago partenopeo si è diffusa la preparazione di un panettone decorato con struffoli, una loro tradizione locale importata sin qui. Questa contaminazione ha tuttavia generato qualche preoccupazione negli anziani nativi. Ne ho sentito uno domandare con estrema stizza: “Se l’è che la terunada lì?”, espressione traducibile grosso modo con: “Cos’è questa contaminazione culturale del nostro dolce tradizionale?”.

Infine i processi di individualizzazione che si possono in particolare osservare nelle generazioni milanesiane più giovani, sempre più restie a partecipare alle celebrazioni collettive ma che nondimeno non si sottraggono all’obbligo del tradizionale scambio rituale di panettone, hanno condotto alla preparazione di panettoni bi o mono-porzione, arricchiti da ingredienti inusuali e cotti in modi eccentrici a rimarcare l’interpretazione ironica delle tradizioni locali.

Tagged ,

One thought on “Un altro panettone!

  1. DM says:

    Fa davvero piacere vedere come si sviluppa la panettologia contemporanea. Lascia perplesso invece lo stato d’inerzia che ha colpito la pandorologia, in particolare la riluttanza degli studiosi a seguire le fertili intuizioni delle ricerche recenti (Verona 2012; Profumo Stordente 2014; Dondeo di Cremona s.d.)

Leave a comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s